tràu·ma/

sostantivo maschile

1. Lesione prodotta nell’organismo da qualsiasi agente capace di un’azione improvvisa e rapidissima, che può produrre fenomeni locali o modificazioni generali dell’organismo.

2. Evento negativo, che incide sulla persona e la disorienta.

trauma

Il trauma è uno dei concetti più affrontati in psicologia, tanto che non è difficile comprendere, all’interno del linguaggio di tutti i giorni, termini come “trauma infantile”, “post-traumatico” ed “esperienza traumatica”. Fin dagli albori di questa disciplina gli studiosi si sono susseguiti nel definire e approfondire questo tema, declinandolo a seconda del periodo storico, del contesto socio-culturale e della teoria di riferimento predominante.

Ma cosa significa dunque “trauma”? Cosa comporta? Come può essere trattato?

Le declinazioni del trauma

La definizione del termine porterebbe a pensare a un evento unico, imprevisto, che può procurare ferite emotive oltre che fisiche. La natura occasionale e dirompente di un incidente, di un terremoto o di un lutto improvviso ha certamente un forte impatto sulla routine di ognuno e produce un senso di disorientamento, paura e perdita di lucidità. Queste esperienze vengono riconosciute come “grandi” esperienze traumatiche.

Tuttavia, contrariamente a quanto si possa pensare, esiste un’ulteriore forma di trauma. Eventi che provocano una certa dose di disagio a causa della pericolosità percepita soggettivamente dalla persona, ma che non mettono in pericolo direttamente la vita e la propria integrità fisica, vengono identificate come “piccole” esperienze traumatiche. Ad esempio, una relazione caratterizzata da continue mortificazioni con una figura significativa, esperienze di ripetute separazioni e perdite, vivere precocemente in un ambiente domestico costantemente conflittuale sono eventi che possono lasciare un segno, anche nei casi in cui non ci si renda conto della portata emotiva di ciò che è successo.

Come il trauma influenza il momento attuale

Ognuno di noi può trovarsi in situazioni che si contraddistinguono per emozioni e sensazioni simili al vissuto traumatico sperimentato in precedenza.

Analizziamo un  esempio riguardante i “piccoli” traumi. Avendo vissuto gli anni della scuola con grande timore a causa dell’insegnante che regolarmente scherniva l’alunno per i suoi errori, questo, in età adulta, potrebbe evitare di assumere incarichi di responsabilità, che potrebbero far progredire la sua carriera professionale, a causa del terrore che il suo capo possa umiliarlo di fronte ai colleghi in caso di errori o malintesi. In questo caso la relazione con il capo assume la funzione di riattivatore traumatico di una “piccola” esperienza traumatica passata. L’esperienza mostra infatti caratteristiche simili al vissuto scolastico infantile, facendo così emergere emozioni e sensazioni che richiamano quel difficile periodo passato. Ciò potrebbe ostacolare un avanzamento lavorativo e intaccare il benessere personale in un’area di vita che, finora, è sempre stata ben funzionante.

Nei casi di “grandi” traumi può accadere che una persona coinvolta in un incidente automobilistico, a mesi o anni di distanza non riesca ad utilizzare l’auto o altri mezzi di trasporto, oltre ad avere un senso di tachicardia e mancanza d’aria ogni qual volta senta all’improvviso un forte rumore. Questa esperienza si configura come un “grande” vissuto traumatico e il disagio che ne potrebbe conseguire potrebbe intaccare diverse aree di funzionamento della persona che, non potendo spostarsi con alcun mezzo, non può più recarsi al lavoro, andare a fare la spesa, spostarsi in autonomia, vivendo costantemente in uno stato di allerta.

Questi esempi evidenziano come di fronte a esperienze di diversa entità è possibile rispondere in modo diverso. Ciò che accomuna le due tipologie di trauma è la sofferenza che la persona si trova a dover fronteggiare, anche a distanza di tempo.

EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing): perchè può essere utile

L’EMDR è un approccio terapeutico specifico e strutturato, che in diversi studi si è mostrato efficace nel trattamento di “piccoli” e “grandi” traumi. Questo metodo si fonda sul presupposto che le esperienze traumatiche vengano immagazzinate nelle reti neurali del nostro cervello in modo scorretto. Nel corso di un’esperienza traumatica, infatti, il cervello non riesce ad integrare le informazioni e i ricordi legati all’evento restano come “congelati”. In questo modo, il ricordo dell’esperienza traumatica resta vivo e, nel caso in cui si presenti un riattivatore traumatico, determina sensazioni, emozioni ed immagini così come se si stesse vivendo il trauma in quel momento stesso.

Nel corso di colloqui con un professionista formato, attraverso stimolazioni che coinvolgono i movimenti oculari, viene riattivato il naturale e spontaneo processo di elaborazione dell’esperienza, così da integrare in modo adattivo le informazioni cognitive, emotive e sensoriali legate al trauma.

In conclusione

I vissuti traumatici, se non elaborati, possono avere un impatto sulla vita quotidiana, anche dopo lungo tempo, portando ad una condizione di disagio o a disturbi psicologici maggiormente strutturati. Un professionista della salute mentale può essere d’aiuto per la definizione di un percorso di intervento specifico, integrando le tecniche EMDR in un percorso psicologico ad hoc.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...